10 previsioni sul futuro firmate Gartner, sei pronto ad avere un capo robot e un assistente virtuale?

Previsioni Gartner sul futuroRecenti previsioni di Gartner preannunciano quello che sarà un mondo algoritmico e intelligente guidato dalle macchine e in cui persone e macchine definiranno tra loro relazioni armoniose. Tali previsioni cominciano a separarci dalla semplice concezione di adozione della tecnologia e ci inoltrano più profondamente in questioni che riguardano quello che significa essere umano in un mondo digitale. Ecco 10 punti che descrivono il nostro futuro secondo Gartner.

1. Ingaggeremo dei “Robot-scrittori”

Entro il 2018, il 20% dei contenuti di business sarà scritto da macchine.

Contenuti che si basano su dati e informazioni analitiche saranno scritti in linguaggio naturale in maniera automatica attraverso l’utilizzo di tecnologie in grado di assemblare in modo proattivo le informazioni grazie ai motori di composizione automatica. I contenuti attualmente scritti da persone, quali rapporti, documenti legali, rapporti di mercato, comunicati stampa e white paper sono i primi candidati per l’utilizzo di questi strumenti.

2. “Le cose avranno bisogno di aiuto”

Entro il 2018, sarà necessario garantire supporto per circa 6 miliardi di dispositivi tecnologici.

Nel 2021, ogni ora di ogni giorno verranno acquistati 1 milione di nuovi dispositivi connessi ad Internet. Che cosa succederà quando qualcuno necessiterà di supporto? Le aziende dovranno sviluppare strategie e meccanismi per rispondere a queste richieste in modo diverso rispetto a quanto avviene adesso, semplicemente comunicando con le persone.

3. I software agent diventeranno indipendenti

Entro il 2020, il 5% di tutte le transazioni economiche coinvolgerà agenti software autonomi al di fuori del controllo umano.

Agenti guidati algoritmicamente prendono già parte alla nostra economia, ma sono ancora legati a meccanismi controllati da esseri umani inseriti nei nostri sistemi aziendali, giuridici, economici e fiduciari. In quella che Gartner chiama economia programmabile, verranno valorizzati nuovi agenti software autonomi e verranno utilizzati su diversi tipi di strumenti finanziari.

4. Avremo dei “robot-capi”

Entro il 2018, più di 3 milioni di lavoratori a livello globale saranno supervisionati da un "robot-capo".

Alcune misurazioni delle prestazioni possono essere elaborate più rapidamente da parte di macchine intelligenti (cosiddetti "robot-capi"), che si occuperanno di compiti di vigilanza e di prendere decisioni sul personale o la gestione degli incentivi.

5. Gli edifici intelligenti saranno a rischio vandalismo

Entro la fine del 2018, il 20% degli edifici intelligenti soffrirà di atti di vandalismo digitale.

Vandali digitali si divertiranno a lasciare al buio interi edifici o deturparli. Per la verità questa situazione costituirà più un fastidio che una minaccia, ma si richiederà comunque un'adeguata sicurezza perimetrale e una strategia che collega la sicurezza degli edifici con il processo della sicurezza organizzativa.

6. Un maggior numero di macchine intelligenti saranno utili al lavoro

Entro il 2018, il 45% delle aziende in rapida crescita avrà un numero di dipendenti minore rispetto a quello di macchine intelligenti.

Accadrà in primo luogo nelle start-up e nuove imprese, ma la velocità, il risparmio sui costi e i miglioramenti della produttività che genererà l’impiego delle macchine intelligenti porterà le aziende ad utilizzare le macchine invece degli uomini. Si svilupperanno casi di supermercati completamente automatizzati, hotel robotici, società di sicurezza con servizi di sorveglianza drone-only.

7. Gli assistenti digitali intratterranno conversazioni con i clienti

Entro la fine del 2018, gli assistenti digitali per clienti sapranno riconoscere gli individui in base al volto e alla voce.

L’esperienza multicanale del cliente farà un grande balzo in avanti sull’interazione di assistenti digitali e clienti. Si creerà un'esperienza capace di imitare le conversazioni umane, facendo discorsi di senso compiuto, contestualizzati al momento, con il tono adeguato e la capacità di rispondere.

8. Ai dipendenti verrà richiesto di indossare dei dispositivi wearable

Entro il 2018, 2 milioni di dipendenti dovranno indossare dispositivi di salute e fitness tracking come condizione di impiego.

Alle persone il cui posto di lavoro può essere pericoloso o fisicamente impegnativo verranno assegnati dei dispositivi indossabili in grado di registrare il monitoraggio delle frequenze cardiache, la respirazione, e potenzialmente, i livelli di stress. Questi saranno in grado di inviare immediatamente aiuto, qualora fosse necessario.

9. La nostra routine sarà gestita da agenti intelligenti

Entro il 2020, il 40% delle interazioni mobili sarà facilitato da agenti intelligenti e l'era post-app inizierà a dominare.

Invece di usare le applicazioni discrete, faremo affidamento su agenti intelligenti in forma di assistenti virtuali personali (VPA) o agenti commerciali di nuova costruzione per prevedere le nostre esigenze, costruire la fiducia e agire autonomamente per nostro conto.

10. I problemi su cloud saranno causati dai clienti

Fino al 2020, il 95% delle falle di sicurezza cloud sarà colpa del cliente.

Molte aziende nascondono ancora problemi di sicurezza circa l'uso dei servizi cloud pubblici. Tuttavia, solo una piccola percentuale di incidenti di sicurezza che impattano le aziende che utilizzano il cloud è dovuto alla vulnerabilità del provider. I clienti utilizzeranno sempre più cloud broker sicuri per gestire e monitorare l’utilizzo di SaaS e altre forme di servizi cloud.

 

Fonte: http://www.gartner.com/smarterwithgartner/gartner-predicts-our-digital-future/

 

 

Il sito utilizza solo cookie tecnici e di analisi per il corretto funzionamento e vengono utilizzati cookie di terze parti. A seguito della normativa UE siamo obbligati a chiedere il vostro consenso. Si prega di accettare i cookies per il caricamento delle informazioni, proprio come qualsiasi altro sito su Internet. Utilizzando il nostro sito web si accetta la nostra Privacy Policy e Termini di servizio. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo, vedere la pagina Privacy